Premio Siani

 

Due giorni di iniziative a Napoli per ricordare il sacrificio di Giancarlo Siani, ucciso dalla camorra 32 anni fa.
Il 22 settembre 2017, in mattinata, presso il Murale a lui dedicato in via Romaniello, si è svolta, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore alla Legalità del Comune di Napoli Alessandra Clemente, di Paolo Siani, fratello di Giancarlo e presidente della Fondazione Polis, e del presidente del Comitato Scientifico della stessa Fondazione Geppino Fiorenza, la cerimonia di apposizione di una targa commemorativa (con “qr code”, che riporta direttamente alle pagine web dedicate al cronista, per chi la inquadra con il cellulare). Nel pomeriggio, al Palazzo delle Arti è stato inaugurato un totem – espositore con immagini e video della Mehari, realizzato grazie all’Aeroporto Internazionale di Napoli, con proiezione del filmato “Ricordando Giancarlo dopo 32 anni“, a cura di Aldo Zappalà e Sergio Scoppetta, e presentazione del videoclip “Mehari Verde” di Nando Misuraca. Con il cantatutore sono intervenuti alcuni dei protagonisti del progetto: il giornalista Arnaldo Capezzuto, il docente di Sociologia dell’Università Federico II Lello Savonardo, il regista del videoclip Claudio D’Avascio, l’attrice Barbara Mercurio, il poeta di strada Raffaele Sannino, la danzatrice e coreografa Carmen Ventrice. A seguire un dibattito con l’assessore comunale alla Cultura Nino Daniele, la direttrice del Premio Elsa Morante per ragazzi Tjuna Notarbartolo, l’addetto stampa dell’Aeroporto Internazionale di Napoli Giovanna Caiazzo, il presidente della Fondazione Polis Paolo Siani. Ha moderato il direttore della sede Rai di Napoli Francesco Pinto.
Il 23 settembre, in occasione dell’anniversario, all’Istituto Penitenziario Minorile di Nisida ha avuto luogo la cerimonia del Premio Siani, preceduta dall’inaugurazione della Tenda di “Nati per leggere” e “Leggendo cresceRAI”, realizzata dall’Associazione “Abbracci Onlus“, di Claudio Zanfagna, e dalla proiezione del film “Gatta Cenerentola” di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone, prodotto da MAD Factory Entertainement con Rai Cinema. Le premiazioni sono state curate da Ottavio Lucarelli, Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Claudio Silvestri, segretario del Sindacato Unitario dei Giornalisti della Campania, e da EAV, ANM e ANCI, che hanno donato copie del libro “Fatti di camorra“, edito da  Iod edizioni, per la preparazione dei ragazzi. 14 sono state le scuole premiate, alle quali sono stati consegnati altrettanti buoni per l’acquisto di libri, offerti da Ordine dei Giornalisti della Campania e Sindacato Unitario dei Giornalisti della Campania. Lucio D’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, ha premiato il  miglior allievo della scuola di giornalismo dell’ateneo. Presenti, tra gli altri, l’assessore regionale alle Pari Opportunità Chiara Marciani, le assessore comunali alla Legalità e all’Istruzione, rispettivamente Alessandra Clemente e Annamaria Palmieri, Giovanni Melillo, procuratore della Repubblica di Napoli, il questore Antonio De Iesu, il viceprefetto Anna De Luna, il direttore dell’IPM Gianluca Guida, il giornalista Sandro Ruotolo, il commissario nazionale per le iniziative di solidarietà alle vittime dei reati mafiosi Vincenzo Panico, il capo del dipartimento della giustizia minorile Gemma Tuccillo, la procuratrice minorile Maria De Luzenberger, la presidente del Tribunale per i MInorenni di Napoli Patrizia Esposito, la dirigente del Centro di Giustizia Minorile Maria Gemmabella, Paolo Siani, Geppino Fiorenza ed Enrico Tedesco della Fondazione Polis, insieme a una rappresentanza del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità, composta da Alfredo Avella, Lorenzo Clemente e Lucia Montanino, e al referente provinciale di Libera Antonio D’Amore.

A conclusione dell’iniziativa, la presentazione e proiezione del videoclip di “Puorteme ‘llà fore“, la canzone interpretata da Lucariello e Raiz scritta dai ragazzi dell’IPM di Airola durante il laboratorio “Le Ali dei Leali“, realizzato dalla Onlus The CO2.

iscriviti alla newsletter